specialisti in fotografia

IMG_7262
locandina calendari 2020 x sito
BUONO per acquisto_25 FAC-SIMILE
BUONO per acquisto_50 FAC SIMILE
BUONO per acquisto 100 FAC SIMILE
BUONO per acquisto 250 FAC SIMILE
BUONO per acquisto 500 FAC SIMILE
locandina 2 x sito
Previous Next Play Pause
1 2 3 4 5 6 7 8

Canon Eos 1d DX MKII Body

Canon Eos 1d DX MKII Body
Prezzo di vendita5569,00 €
Prezzo base4564,75 €
Prezzo base per variante4564,75 €
Modificatore prezzo variante:
Prezzo di vendita con sconto
Prezzo di vendita, tasse escluse4564,75 €
Sconto
Ammontare IVA1004,25 €
Prezzo standarizzato:

    Canon Eos 1d DX MKII Body

    Descrizione
    Risoluzione, sensibilità e latitudine

    Il fulcro del modello EOS-1D X Mark II import è un sensore CMOS sviluppato da Canon che rappresenta la generazione futura della qualità dell'immagine professionale nella gamma EOS. Con prestazioni avanzate di raccolta della luce e la capacità di convertire tale luce in segnale digitale, questo sensore offre prestazioni con sensibilità elevata e riduce il rumore a velocità ISO sia alte che basse, oltre a un'elevata latitudine di posa per mettere in risalto i dettagli nelle zone scure.

    Sensore CMOS a pieno formato da 20,2 megapixel
    Un sensore CMOS a pieno formato da 20,2 megapixel con un'elevata latitudine di posa, sviluppato e prodotto da Canon, riduce il rumore ISO sia a valori ridotti che elevati. Questo sensore eccezionale integra microlenti gapless per assicurare una qualità dell'immagine elevata in qualsiasi condizione di scatto. Gli obiettivi gapless non disperdono la luce tra un pixel e l'altro poiché la luce che incontra il sensore viene incanalata sotto i pixel. In questo modo, viene migliorata la capacità di raccolta della luce e il rapporto segnale-rumore.

    Con l'aumento del numero di pixel per la registrazione, rispetto a EOS-1D X, il sensore da 20,2 MP di EOS-1D X Mark II offre maggiori funzionalità di ritaglio assicurando, al contempo, un livello di dettaglio eccezionale. Al contempo, la maggiore latitudine dell'esposizione consente di ottenere composizioni sovra e/o sottoesposte senza grosse perdite di dettaglio.

    Sensibilità ISO massima
    Un'elevata gamma ISO offre numerose opportunità di ripresa. La velocità è essenziale in qualsiasi situazione professionale e una maggiore flessibilità ISO è particolarmente utile durante le riprese in condizioni di scarsa illuminazione o di quasi totale oscurità. La fotocamera EOS-1D X Mark II risponde al meglio all'eterna diatriba tra sensibilità ISO e perdita di qualità dell'immagine. Con una velocità ISO nativa pari a 51.200, EOS-1D X Mark II può arrivare fino a ISO 409.600 e realizzare riprese in condizioni di oscurità quasi completa. E la flessibilità non finisce qui: anche in modalità ISO Auto, sono possibili velocità otturatore fino a 1/8000 oltre alla compensazione dell'esposizione in modalità Manuale.

    Correzione delle aberrazioni dell'obietivo all'interno della fotocamera
    Quando il modello EOS-1D X originale venne lanciato sul mercato, includeva funzionalità di correzione della luminosità periferica e dell'aberrazione cromatica, mentre una nuova funzione di correzione della distorsione venne inclusa con il modello EOS 7D Mark II. Una nuova evoluzione di queste opzioni di elaborazione integrate nella fotocamera, si trova ora nel modello EOS-1D X Mark II che, oltre ad esse, include una funzione di correzione della diffrazione applicata alle immagini JPEG durante lo scatto. Questa funzione consente ai fotografi di lavorare con aperture di diaframma inferiori senza doversi preoccupare dell'abbassamento della qualità delle immagini causata dalla diffrazione.

    In passato era necessario registrare i dati della correzione dell'obiettivo utilizzando il software EOS Utility. Con EOS-1D X Mark II, invece, i dati della correzione della luminosità periferica, dell'aberrazione cromatica e della distorsione sono già registrati nella fotocamera, cosicché non è più necessario correggere le aberrazioni sulle immagini JPEG tramite computer. Questa funzione accetta anche i dati di obiettivi futuri dotati di sistema integrato di registrazione della correzione delle aberrazioni; in questo modo tali dati non devono essere registrati tramite applicazione EOS Utility.

    Ottimizzatore obiettivo digitale integrato
    Con EOS-1D X, il software Digital Photo Professional di Canon forniva soluzioni capaci di correggere numerose aberrazioni di immagine e obiettivo. Con EOS-1D X Mark II, queste funzioni di correzione sono integrate nella fotocamera insieme alla funzione dedicata Ottimizzatore obiettivo digitale.

    L'Ottimizzatore obiettivo digitale imita le prestazioni dell'obiettivo con una serie di funzioni matematiche che replicano ogni singola fase del viaggio della luce nel percorso ottico. Utilizzando queste informazioni, l'Ottimizzatore obiettivo digitale è in grado di correggere le aberrazioni ottiche tipiche e la perdita di risoluzione causate dal filtro passo-basso applicando la funzione inversa a ogni scatto, per rendere l'immagine più fedele alla scena così come appare a occhio nudo. Ciò crea immagini dettagliate e di alta qualità che offrono ai fotografi la flessibilità eccezionale necessaria per lavorare con valori di apertura elevati o ridotti, senza preoccuparsi di aberrazioni o diffrazioni.

    Mentre la correzione delle aberrazioni può essere applicata ai file JPEG al momento dello scatto, l'Ottimizzatore obiettivo digitale viene applicato durante l'elaborazione RAW integrata nella fotocamera.

    Stile foto Dettaglio fine
    Lo stile "Dettaglio fine", originariamente sviluppato per EOS 5DS e EOS 5DS R, è stato incluso in EOS-1D X Mark II per massimizzare la quantità di dettagli acquisiti dal sensore da 20,2 megapixel della fotocamera. Questa impostazione dà la priorità alla gradazione di tonalità e mette in risalto il massimo dei dettagli. La modalità Dettaglio fine è adatta alle immagini che verranno utilizzate direttamente dalla fotocamera, senza post produzione.

    Questo stile foto integra tre parametri di nitidezza regolabili che offrono un controllo superiore sulla nitidezza acquisita dalla fotocamera sui file JPEG. I parametri sono simili a quelli che si trovano nel filtro Maschera definizione dettagli in Adobe Photoshop e nel software DPP di Canon.

    La barra di scorrimento "Intensità" regola la quantità di nitidezza applicata ai bordi dell'immagine. Il cursore "Precisione" determina il formato dei dettagli resi più nitidi e va spostato verso sinistra per ottimizzare i dettagli più piccoli. La barra di scorrimento "Soglia" specifica la quantità di contrasto necessaria in una parte della foto prima che venga considerata un bordo e resa nitida. Con impostazioni basse, è possibile rendere nitidi anche i bordi sottili.

    AWB: priorità ambiente/priorità bianco
    La fotocamera EOS-1D X Mark II integra una selezione di impostazioni per il bilanciamento del bianco automatico (AWB) e offrono un approccio diverso alla luce artificiale. "Priorità ambiente" è studiata per mantenere alcune delle tonalità di colore calde per le riprese con sorgenti luminose artificiali al fine di preservare l'atmosfera della scena, in modo del tutto simile alla normale impostazione AWB delle altre fotocamere EOS; "Priorità bianco" invece elimina la maggior parte delle tonalità calde per le riprese con illuminazione al tungsteno per ottenere immagini dai colori il più possibile neutrali.

    Le foto così nitide sono pericolose
    Un'area di messa a fuoco estesa con 61 punti AF selezionabili singolarmente, tra cui 41 a croce e 5 a croce doppia, garantisce una maggiore flessibilità nell'inquadratura dei soggetti. Anche a f/8, sono disponibili tutti i 61 punti AF, inclusi 21 sensori a croce. Insieme ad AI Servo AF III+ e al migliorato sistema iTR (Intelligent Tracking and Recognition) di EOS, il modello EOS-1D X Mark II offre una messa a fuoco automatica eccezionalmente nitida e precisa.

    Sensore di misurazione 360.000 RGB+IR
    La fotocamera è dotata di un sensore di misurazione RGB+IR da 360.000 pixel effettivi (736 x 496 quasi risoluzione WVGA). La misurazione valutativa e la misurazione valutativa dell'esposizione del flash si basano sulle informazioni rilevate dal sensore. Il sensore comprende pixel IR che rilevano la luce a infrarossi(IR), la quale aiuta il sistema di rilevamento automatico della scena ad analizzare le inquadrature migliorando la precisione del sistema AF. I pixel IR, insieme ai pixel RGB, vengono utilizzati anche per analizzare luminosità, colore e volti all'interno di una scena. Oltre a considerare le informazioni sulla distanza, l'algoritmo riconosce un soggetto basandosi sul rilevamento dei volti e sulle informazioni del colore.

    Il sensore di misurazione viene supportato da un processore DIGIC 6 che elabora tutte le informazioni colore e i dati di rilevamento del viso per riconoscere i soggetti con la massima precisione.

    Tecnologia iTR (Intelligent Tracking and Recognition) di EOS (EOS iTR AF)
    Le funzionalità di rilevamento del viso del sensore RGB+IR da 360.000 pixel, insieme alle informazioni di tracking del colore, vengono quindi trasferite al sistema EOS iTR AF. Sulla fotocamera EOS-1D X Mark II, il sistema EOS iTR AF include gli algoritmi ottimizzati di EOS 7D Mark II, che incrementano in modo esponenziale le prestazioni complessive di tracking del soggetto.

    Oltre alla modalità Face Priority, la modalità di tracking del soggetto è stata aggiunta per i momenti in cui il volto non è sempre visibile e quando il soggetto principale non è una persona.

    AI Servo AF III+
    AI Servo AF III+ di Canon presenta un nuovo algoritmo AF che, insieme al sistema di messa a fuoco automatica iTR (Intelligent Tracking and Recognition) di EOS, migliora la sensibilità di inseguimento nelle scene in cui i movimenti del soggetto possono essere improvvisi, garantendo una messa a fuoco precisa e accurata anche in situazioni in cui quest'ultima è molto difficile.

    La fotocamera EOS-1D X Mark II offre sei impostazioni AF Case study per aiutarti a scegliere l'opzione più appropriata in base al soggetto. I suddetti case study offrono diverse configurazioni per le tre diverse impostazioni delle preferenze AF relative a sensibilità inseguimento, accelerazione/decelerazione dell'inseguimento e attivazione automatica del punto AF. Questi parametri possono essere ulteriormente personalizzati in base alle preferenze personali

    Area di messa a fuoco automatica estesa a 61 punti
    La possibilità di incrementare l'area coperta dai punti AF è una funzione molto richiesta dai fotografi, professionisti o amatoriali che siano. Nella fotocamera EOS-1D X Mark II, i punti AF sono stati posizionati su un'area più ampia (8% di espansione in verticale nell'area centrale e 24% nell'area periferica) al fine di consentire una maggiore libertà di posizionamento dei soggetti nella composizione dell'inquadratura.

    41 punti a croce e 5 punti AF a doppia croce estendono ulteriormente la portata delle funzionalità di messa a fuoco di EOS-1D X Mark II. I punti AF a croce offrono una maggiore precisione nella messa a fuoco automatica su un'area più ampia del fotogramma, al fine di assicurare una messa a fuoco corretta, fondamentale per i soggetti che si muovono rapidamente. Tutti i 61 punti AF e i 41 punti AF a croce sono selezionabili singolarmente.

    Selezione del punto AF
    Utilizza tutti i 61 punti AF contemporaneamente o raggruppali in zone mobili per coprire i soggetti decentrati. In alternativa, seleziona un unico punto AF per una messa a fuoco più precisa su una specifica parte della scena.

    La Zona ampia, tanto popolare sulla fotocamera EOS 7D Mark II, è stata aggiunta anche a EOS-1D X Mark II al fine di assicurare l'inseguimento dei soggetti in movimento e garantire composizioni sempre precise anche per i soggetti che si spostano a velocità elevate.

    61 punti AF, con 21 punti AF a croce a f/8
    Spesso, i fotografi specializzati in fotografia sportiva e naturalistica devono utilizzare superteleobiettivi con moltiplicatori per avvicinarsi ai loro soggetti. Ciò limita l'usabilità AF a causa dell'impostazione di apertura f/8. La compatibilità AF f/8 a 1 punto di 1D X è stata significativamente incrementata fino a un massimo di 61 punti sulla fotocamera EOS-1D X Mark II, con 21 punti a croce. La Zona AF, che semplifica l'inseguimento del soggetto, e il sistema EOS iTR AF offrono potenti funzionalità di tracking anche per le riprese con superteleobiettivi e moltiplicatori.

    Messa a fuoco automatica a EV-3
    Grazie al sistema AF, è più semplice tenere il soggetto a fuoco anche in condizioni di illuminazione sfavorevoli. Il limite AF a bassa intensità è stato portato a EV-33 per semplificare le riprese delle scene in cui la messa a fuoco automatica era in precedenza impossibile o troppo lenta e imprecisa, come in condizioni di buio.

    Rilevamento del flicker
    In presenza di sfarfallio, cioè cali d'intensità luminosa come quelli prodotti dalla luce fluorescente, l'uso di velocità più elevate dell'otturatore può produrre esposizioni e colori irregolari. La fotocamera EOS-1D X Mark II – come EOS 7D Mark II, EOS 5DS R e EOS 5DS – rileva il frequente sfarfallio di sorgenti di luce e adatta i tempi di scatto per catturare l'immagine in prossimità di picchi di luminosità e ridurre le immagini con esposizione diversa. Questa funzione opera con uno sfarfallio frequente di 100 Hz e 120 Hz e dispone di un algoritmo migliorato per impedire il rilevamento errato delle oscillazioni luminose.

    Visualizzazione del punto AF illuminato di rosso
    Funzionalità inizialmente disponibile su EOS-1D Mark IV, il riquadro AF visualizzato in rosso è stato reintrodotto in base al feedback ricevuto dagli utenti di EOS-1D X. Insieme alla visualizzazione del riquadro illuminato, sono stati introdotti nella gamma EOS-1 il sistema EOS Intelligent Scene Analysis e il sistema ottico con display sovraimposto rosso. Dal momento che è semplice identificare il punto AF anche in condizioni di buio ed è facile selezionare immediatamente un punto AF, l'inquadratura è resa particolarmente agevole in condizioni di scarsa illuminazione.

    Descrizione
    Diventa un eroe dell'azione con le prestazioni ad alta velocità.
    Superando i limiti di una velocità di scatto ultra rapida, la fotocamera EOS-1D X Mark II può scattare fino a 14 fps con Tracking AF/AE completo o fino a 16 fps in modalità Live View, grazie alla velocità dei processori DIGIC 6+ e al nuovo sistema di controllo dello specchio. Con i supporti a marchio CFast 2.0™, la fotocamera è in grado di produrre scatti continui fino a 170 immagini RAW da 14 bit non compresse.

    14 fps con tracking AF/AE completo, 16 fps con scatto Live View
    I fotografi professionisti non hanno mai una seconda possibilità. Pertanto, crearsi opportunità di riprendere momenti decisivi, come i festeggiamenti dopo un gol o il taglio del traguardo, con la massima precisione e nitidezza è un obiettivo primario. Gli ingegneri Canon lo sanno, e hanno elaborato una velocità massima di azionamento dello specchio pari a 14 fps con tracking AF/AE completo.

    Le riprese in modalità Live View consentono di raggiungere velocità ancora superiori, con 16 fps in scatto continuo, quando messa a fuoco ed esposizione vengono fissate al primo scatto. Tale frame rate supera la precedente velocità massima di blocco dello specchio di EOS-1D X, e consente inoltre di continuare a visualizzare la scena in Live View durante l'acquisizione.

    Doppio processore "DIGIC 6+"
    Affinché il sensore CMOS da 20,2 megapixel possa effettuare la lettura del segnale ad alta velocità, EOS-1D X Mark II utilizza un circuito di elaborazione front-end insieme al doppio processore "DIGIC 6+" per un'elaborazione fulminea del segnale. L'incredibile potenza di questi processori consente di incrementare la latitudine, migliorare la riduzione del disturbo ISO sia a valori ridotti che elevati, ottenere le immagini con tonalità della pelle naturali che hanno reso celebre Canon, applicare diverse correzioni dell'obiettivo in tempo reale alle immagini JPEG, anche per riprese a circa 16 fps in modalità Live View, e registrare filmati in DCI 4K fino a 60 fps o in Full HD fino a 120 fps.

    Tecnologia di ritorno rapido dello specchio
    Per ottenere l'elevata velocità di elaborazione dei fotogrammi di cui è capace la fotocamera EOS-1D X Mark II, e per garantire un AF rapido e accurato, è vitale che virtualmente non vi sia alcun riflesso nello specchio e che gli specchi tornino in posizione il più rapidamente e precisamente possibile. Per ottenere tale risultato, la fotocamera EOS-1D X Mark II dispone di un sistema a due motori con motori separati ad alta coppia per gestire la carica di specchio e otturatore. Questo permette un'alta velocità, ma isola anche le due diverse fasi per impedire che risentano l'una dell'altra. Il motore di controllo dello specchio e il motore di carica dell'otturatore hanno un supporto fluttuante composto da un materiale elastico. Ciò riduce il rumore di funzionamento e assicura vibrazioni minime durante la ripresa.

    Supporto CFast 2.0™
    La fotocamera EOS-1D X Mark II è la prima fotocamera EOS a disporre di uno slot per scheda CFast 2.0™ in aggiunta allo slot per scheda CompactFlash. CFast 2.0™ è di dimensioni simili a CompactFlash, ma ha contatti a incasso che rendono la scheda più robusta e meno esposta a problemi relativi a pin piegati. CFast 2.0™ attualmente ha una velocità di scrittura pari a 440 MB/s, tre volte più veloce del velocissimo sistema CompactFlash (150 MB/s). Velocità di scrittura così elevate consentono raffiche continue di scatti RAW di 170 immagini a risoluzione piena. Inoltre, il supporto del formato exFAT2 elimina il limite delle dimensioni file pari a 4 GB e la necessità di unire i file durante la registrazione di un filmato.

    Schermo LCD a sfioramento ad alta risoluzione
    Le fotografie di alta qualità realizzate con EOS-1D X Mark II meritano di essere vis

Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso. Per saperne di piú sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information